Menu Principale


Condividi su

Facebook MySpace Twitter Digg Delicious Stumbleupon Google Bookmarks RSS Feed 

News

Loading feeds...

Created by SopanTech Solutions


Area sondaggi


Meteo a Salerno

Mer Gio Ven Sab

Oroscopo del mese

No images

Salerno Basket ’92, confermata anche Alessia De Mitri PDF Stampa E-mail
Lunedì 08 Luglio 2024 07:20

Superate le 200 presenze col team di Angela Somma: “Orgogliosa di restare per il nono anno”

Un’altra conferma importante per il Salerno Basket ’92 che si accinge ad affrontare il campionato di Serie A2 femminile. Alessia De Mitri vestirà ancora la casacca granata e sarà per lei la nona stagione complessiva alle dipendenze di patron Angela Somma. Un misto tra emozione e consapevolezza di essere cresciuta tanto – come atleta e come donna – da quando ha per la prima volta fatto capolino a Salerno. L’atleta brindisina classe 1998, peraltro, è una delle superstiti dall’ultima serie A2 disputata dalle granatine, ormai sette anni fa. “Non riesco a trovare le parole per descrivere al meglio le mie emozioni in questo momento. Posso solamente dire che ritornare ad indossare questa maglia nella seconda categoria nazionale non può fare altro che riportarmi indietro negli anni, a quando ero solo una quindicenne con tanta voglia di crescere e migliorarsi. Mi ritrovo a 25 anni ad aver riportato in A2 questa squadra da capitano: è tutto bellissimo e la speranza è di fare ancora meglio”, dice De Mitri in un periodo di meritate vacanze. Nella stagione appena trascorsa ha superato le 200 presenze con la casacca del Salerno Basket ’92. Ormai, è una di famiglia: “Sono entusiasta e orgogliosa di essere arrivata fin qui e di farne parte. C’è consapevolezza dei nostri mezzi e di poter fare bene in un campionato che però sarà molto più difficile. Veniamo da un’annata perfetta. Siamo tutte state una luce indispensabile per il gruppo. Siamo state pronte fin dalla prima partita stagionale e abbiamo scritto la storia manifestando grande unità di intenti. Ora gli ostacoli saranno certamente più duri ma dobbiamo assolutamente ripartire da quel che abbiamo lasciato col nostro coach e con le nostre consapevolezze”.